CITAZIONI ILLUMINANTI


Kutadanta accusò il Buddha: "Mi hanno detto che insegni la legge e la via della vita, eppure disprezzi la religione. I tuoi seguaci abbandonano i riti e snobbano i sacrificî. Ma la reverenza per gli dèi si può mostrare solo coi sacrifici. La vera natura della religione è adorare e sacrificare". Il Buddha rispose: "Più grande del massacro di manzi è il sacrificio dell’io. Colui che offre in sacrificio i propri desiderî morbosi comprende l’inutilità di codesto macello d’animali sull’altare. Il sangue non pulisce, ma sporca. La rinuncia alle azioni dannose, invece, rende il cuore integro. Seguire la via della rettitudine è meglio che adorare gli dèi".
 Buddha


 Uccidere gli animali per nutrirsi del loro sangue e delle loro carni è una delle più deplorevoli e vergognose infermità della condizione umana. Questo nutrimento contiene in sè i princÏpi irritanti e putridi che agitano il sangue e abbreviano la vita dell'uomo".
 - Lamartine


 "La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini."
PUBLIO OVIDIO


 Qualsiasi cosa un uomo faccia agli animali, gli verrà ripagata con la stessa moneta.
 - Pitagora (560-480 ca. a.C.), filosofo greco e matematico


Fintanto che l'uomo continuerà a distruggere gli esseri viventi inferiori, non conoscerà mai né la salute né la pace. Fintanto che massacreranno gli animali, gli uomini si uccideranno tra di loro. Perché chi semina delitto e dolore non può mietere gioia e amore. PITAGORA


Ogni animale sgozzato irradia sentimenti di orrore e di odio saturando la nostra atmosfera: dannose vibrazioni si ripercuotono specialmente sui bambini. Sensazioni di terrore fluttuano nell'aria e moltissimi bambini ne sono presi dalla paura senza causa apparente. Non comprendono che l'agitazione proviene dall'atmosfera statua di sentimento ostili provenienti dalle creature immolate (C. W. Leadbeater).


L'esser beccaio [macellaio] debba essere stimata un'arte ed esercizio più vile che non è l'esser boia [...] perché questa si maneggia pure in contrattar membri umani, e talvolta administrando alla giustizia; e quello ne gli membri d'una povera bestia, sempre amministrando alla disordinata gola, a cui non basta il cibo ordinato dalla natura [il cibo vegetale], più conveniente alla complessione e vita dell'uomo (lascio l'altre più degne raggione da canto).
(Giordano Bruno)


"C'è un intero mondo di esseri viventi intorno a te, ma non sei in grado di vederlo, perchè ti è stato insegnato a credere che animali e alberi, e anche pietre e rocce e montagne siano cose 'morte'. Potresti non ammetterlo a te stesso, ma fondamentalmente sei stato addestrato a credere che sia così, che l'unica cosa che meriti la tua attenzione siano gli esseri umani... Sei in grado di avere una relazione personale con gli oceani? O magari con gli alberi?... Il tempo è una cosa, un ente con cui puoi dialogare, con cui puoi entrare in relazione, ma tu tendi invece ad ignorarlo per tutta la tua vita..." - Michael Tsarion


"In futuro, alcuni sciocchi sosterranno che io ho dato il permesso di mangiare carne, e che io stesso ne ho mangiata, ma io non ho permesso a nessuno di mangiare carne, non lo permetterò ora, non lo permetterò in alcuna forma, in alcun modo e in alcun luogo. E' incondizionatamente proibito a tutti". "Mangiare la carne", "spegne il seme della grande compassione". Pertanto, se si desidera avvicinarsi a Dio, che è compassione e amore perfetti, non si può non coltivare in sé questi sentimenti. "E' per sfuggire alle sofferenze della vita e per raggiungere la perfezione mistica che si pratica la meditazione. Ma perché infliggere sofferenza agli altri, quando noi stessi cerchiamo di evitarla? Se non riuscirete a controllare la mente in modo da aborrire anche solo il pensiero di un atto brutale e dell'uccidere, non sarete mai in grado di sfuggire ai legami della vita di questo mondo. Come può colui che cerca, che spera di imparare a liberare gli altri, vivere della carne di esseri senzienti?"
Tratto dal Dhammapada
SIDDHARTA


Per ognuno il latte della propria specie è di beneficio, ma quello di altre specie è dannoso.
Ippocrate.

"L'estrema avversione che alcuni adulti e molti bambini mostrano nei confronti della carne di ogni tipo, è attribuita da Fitch ad una tendenza atavica, cioè alla sopravvivenza dell'istinto primitivo dei nostri antenati preistorici che non mangiavano carne”
 - (J. H. Kellog, M.D., editore Buona Saluto).


“Amici miei, evitate di corrompere il vostro corpo con cibi impuri; ci sono campi di frumento, mele così abbondanti da piegare gli alberi dei rami, uva che riempie le vigne, erbe gustose e verdure da cuocere. La terra offre una grande quantità di ricchezze, di alimenti puri, che non provocano spargimento di sangue né morte.”
Pitagora


“Colui che non rispetta la vita non la merita. Moltissimi cuccioli di questi animali verranno portati via, squarciati e massacrati barbaramente.”
Leonardo Da Vinci


“Uccidendo, l’uomo sopprime anche in se stesso le più alte capacità spirituali, l’amore e la compassione per le altre creature viventi e, sopprimendo questi sentimenti, diventa crudele.”
Lev Tolstoj


“La scelta di vita vegetariana, anche solo per i suoi effetti fisici sul temperamento umano, avrebbe un’influenza estremamente benefica sulla maggior parte dell’umanità”.
Albert Einstein


Per noi la Terra è il pianeta del nostro sistema solare su cui ha avuto origine la vita, la nostra casa, ma anche e soprattutto il luogo che sfruttiamo freneticamente, sconsideratamente, selvaggiamente, abbattendo ogni tipo di vegetazione, uccidendo ogni specie animale, avvelenando le acque che beviamo e l'aria che respiriamo, al fine di garantirci quello che abitualmente amiamo definire benessere, progresso, civiltà. La Terra è vostra Progenitrice e vostra Madre, ed è sacra. Ogni passo mosso sopra di lei dovrebbe essere come una preghiera. Essa è umile e nutre tutte le cose. e rispetto a essa tutti sono fratelli."
ALCE NERO del Popolo Lakota.


Le cellule hanno una rudimentale memoria che registra le vibrazioni di paura, odio e morte che l’animale sperimenta quando viene macellato e l’animo di chi si ciba della loro carne viene influenzato da queste vibrazioni negative. La persona spesso non riesce a trovare la ragione di tali turbamenti e non immagina che deriva dal fatto di mangiare carne.
Il Dr Richard Anderson, nel suo libro Cleanse & Purify Thyself


L’alimentazione carnea impedisce lo sviluppo armonico dei bambini e impoverisce le facoltà intellettive e spirituali degli adulti. La carne decapita la curiosità scientifica, ottenebra il ragionamento, impigrisce la mente, produce vibrazioni di basso tipo che interferiscono con la natura emozionale umana, che è calda e generosa, non fredda e cinica (clamoroso anticipo della scala Simoneton).
Pitagora.


“Amici miei, evitate di corrompere il vostro corpo con cibi impuri; ci sono campi di frumento, mele così abbondanti da piegare gli alberi dei rami, uva che riempie le vigne, erbe gustose e verdure da cuocere. La terra offre una grande quantità di ricchezze, di alimenti puri, che non provocano spargimento di sangue né morte.”
“Coloro che uccidono gli animali e ne mangiano le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili. ”
“Qualsiasi cosa un uomo faccia agli animali, gli verrà ripagata con la stessa moneta.”
Pitagora.


Quello che accadrà agli animali accadrà pure agli uomini.
Capo indiano Chiefe Seattle.


Fino a quando non mostrerà compassione per tutte le creature viventi, l'uomo stesso non troverà pace.
Albert Schweitzer


Tutti gli esseri viventi temono la violenza, tutti amano la vita. E chi considera gli altri uguali a se stesso non dovra' ne' uccidere ne' far uccidere. Chi cerca la felicita' commettendo atti di violenza, non la trovera' mai. Chi cerca la felicita' senza commettere atti di violenza, la trovera'.
Buddha


Senza voce, dipendenti dall'uomo, «schiavi», con una coscienza anche se impossibilitati a difendere i loro diritti. Capaci di gioire e soffrire, di accudire con amore i loro «figli» che l'uomo prende, mette in gabbie ristrette, ingozza di cibo per aumentare il loro peso rapidamente… e che libera solo per farli passare dalla gabbia al macello. Da una non vita alla morte. Uccisi senza dignità né attenzione alla sofferenza. Eppure gli animali urlano, urlano nel silenzio."
(Mario Pappagallo)


Tre malattie vi erano anticamente: il desiderio, la fame e la vecchiaia; dal macello del bestiame altre novantotto ne conseguirono.
Buddha.

Per ognuno il latte della propria specie è di beneficio, ma quello di altre specie è dannoso.
Ippocrate

“Amici miei, evitate di corrompere il vostro corpo con cibi impuri; ci sono campi di frumento, mele così abbondanti da piegare gli alberi dei rami, uva che riempie le vigne, erbe gustose e verdure da cuocere. La terra offre una grande quantità di ricchezze, di alimenti puri, che non provocano spargimento di sangue né morte.”
Pitagora

“Colui che non rispetta la vita non la merita. Moltissimi cuccioli di questi animali verranno portati via, squarciati e massacrati barbaramente.”
Leonardo Da Vinci

“Uccidendo, l’uomo sopprime anche in se stesso le più alte capacità spirituali, l’amore e la compassione per le altre creature viventi e, sopprimendo questi sentimenti, diventa crudele.”
Lev Tolstoj

“La scelta di vita vegetariana, anche solo per i suoi effetti fisici sul temperamento umano, avrebbe un’influenza estremamente benefica sulla maggior parte dell’umanità”.
Albert Einstein

“È vergognoso che l’uomo sia carnivoro. È vero: egli può vivere e vive sfruttando gli altri animali, ma questo è un bel misero modo di vivere, come sanno coloro che mettono in trappola un coniglio o uccidono agnelli, e colui che insegnerà all’uomo a convertirsi a una dieta sana e non violenta sarà considerato un benefattore per l’umanità.
Henry David Thoreau

“Bisogna correggere la falsa credenza che la dieta vegetariana ci renda deboli, passivi e abulici. Io davvero non credo che la carne sia assolutamente indispensabile per nessun motivo. Sento che il nostro progresso spirituale ci porterà inevitabilmente a smettere di uccidere gli animali per soddisfare esigenze materiali.”
Gandhi

“La domenica noi preghiamo che la luce illumini il nostro cammino! Siamo stanchi di guerre, non vogliamo combattere, e tuttavia ci nutriamo di morte. Io dimostro la mia età, sono gli altri che sembrano più vecchi? D’altra parte, che cosa vi aspettate da gente che si nutre di cadaveri? “
George Bernard Shaw

Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non ha mangiato bene.
Virginia Woolf - "Una stanza tutta per se"

Come può la vista sopportare l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi? Non ripugna il gusto, berne gli umori e il sangue? Le carni agli spiedi crude... e c'era come un suono di vacche. Non è mostruoso desiderare di cibarsi di un essere che ancora emette suoni? Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo. (Franco Battiato)
*Live della canzone "Sarcofagia" di Franco Battiato, contenuta nell'album "Ferro Battuto" (2005) e Liberamente ispirata al Trattato di Plutarco "Del mangiare carne".

Tutti gli esseri viventi temono la violenza, tutti amano la vita. E chi considera gli altri uguali a se stesso non dovra' ne' uccidere ne' far uccidere. Chi cerca la felicita' commettendo atti di violenza, non la trovera' mai. Chi cerca la felicita' senza commettere atti di violenza, la trovera'.
(Buddha)

Fino a quando non mostrerà compassione per tutte le creature viventi, l'uomo stesso non troverà pace.
Albert Schweitzer

Quello che accadrà agli animali accadrà pure agli uomini.
Capo indiano Chiefe Seattle.

“Amici miei, evitate di corrompere il vostro corpo con cibi impuri; ci sono campi di frumento, mele così abbondanti da piegare gli alberi dei rami, uva che riempie le vigne, erbe gustose e verdure da cuocere. La terra offre una grande quantità di ricchezze, di alimenti puri, che non provocano spargimento di sangue né morte.”
“Coloro che uccidono gli animali e ne mangiano le carni saranno più inclini dei vegetariani a massacrare i propri simili. ”
“Qualsiasi cosa un uomo faccia agli animali, gli verrà ripagata con la stessa moneta.”
Pitagora.

L’alimentazione carnea impedisce lo sviluppo armonico dei bambini e impoverisce le facoltà intellettive e spirituali degli adulti. La carne decapita la curiosità scientifica, ottenebra il ragionamento, impigrisce la mente, produce vibrazioni di basso tipo che interferiscono con la natura emozionale umana, che è calda e generosa, non fredda e cinica (clamoroso anticipo della scala Simoneton).
Pitagora.

Le cellule hanno una rudimentale memoria che registra le vibrazioni di paura, odio e morte che l’animale sperimenta quando viene macellato e l’animo di chi si ciba della loro carne viene influenzato da queste vibrazioni negative. La persona spesso non riesce a trovare la ragione di tali turbamenti e non immagina che deriva dal fatto di mangiare carne.
Il Dr Richard Anderson, nel suo libro Cleanse & Purify Thyself

Induisti e buddisti non mangiano carne. Perché no? Perché sanno che anche negli animali c'è atman, il soffio divino. (Luise Rinser)



Quanto dobbiamo invidiare gli animali per la loro spensieratezza! Nel 99 per cento dei casi, gli animali sono infelici solo quando li rendono tali gli uomini.
Arthur Schopenhauer, Nachlass, (postumo 1966/75)

 Tre malattie vi erano anticamente: il desiderio, la fame e la vecchiaia; dal macello del bestiame altre novantotto ne conseguirono.Buddha - Suttanipata,311

"Bhagavan(Onorato Mondiale), vedo che in tutti i mondi, il vagare di nascite e morti, le animosità intrecciate e il cadere in cammini del male sono causati dal consumo di carne e dalle uccisioni cicliche. Tali comportamenti aumentano odio e rabbia, e rendono gli esseri viventi incapaci di sfuggire alla sofferenza. Ciò è davvero molto doloroso".
~Lankavatara Sutra

29 Poi Dio disse: «Ecco, io vi do ogni erba che produce seme e che è su tutta la terra e ogni albero in cui è il frutto, che produce seme: saranno il vostro cibo. 30 A tutte le bestie selvatiche, a tutti gli uccelli del cielo e a tutti gli esseri che strisciano sulla terra e nei quali è alito di vita, io do in cibo ogni erba verde». E così avvenne. 
Genesi 1,29-30

“La carne ottenebra l’anima. Dobbiamo cibarci come Adamo prima della caduta, non come Noè dopo il peccato. I nostri corpi sono simili a tombe di animali uccisi. Credo che i sacrifici cruenti siano stati inventati solo dalle persone che cercavano un pretesto per mangiare carne”. Diceva pure che Matteo si nutriva di semi, frutta ed erbaggi.
(Pedagogo II,1-16).S. Clemente Alessandrino.

Non esiste superiorità dell’uomo rispetto agli animali perché tutto è vanità”. 
(Eccl. 3,18-21)

Uccidere un essere vivente è come uccidere sé stessi; provare compassione per un essere vivente è come provarla per se stessi. Chi desidera il proprio bene, dovrebbe evitare di causare qualsiasi danno a un essere vivente.
(12,151- Saman Suttam)

 "Una vita non indagata non è degna per l’uomo di essere vissuta. Coloro che ignorano la sapienza e la virtù e passano il tempo in banchetti e altre simili cose è naturale che siano trascinati verso il basso, e così vanno errando nella vita; mai innalzano lo sguardo verso ciò che è veramente alto, nè riescono a elevarsi o gustano una gioia pura e durevole, ma come bestie tengono sempre gli occhi rivolti in giù, e chini in terra e sulle mense si rimpinzano e si accoppiano, e per avidità di queste cose si scontrano e cozzano tra loro con corna e zoccoli di ferro, massacrandosi per la loro voracità."
Platone

"Bhagavan(Onorato Mondiale), vedo che in tutti i mondi, il vagare di nascite e morti, le animosità intrecciate e il cadere in cammini del male sono causati dal consumo di carne e dalle uccisioni cicliche. Tali comportamenti aumentano odio e rabbia, e rendono gli esseri viventi incapaci di sfuggire alla sofferenza. Ciò è davvero molto doloroso".
*Bhagavan è Colui che è Onorato nel mondo.
LANKAVATARA-SUTRA L’AUTO-REALIZZAZIONE DELLA NOBILE SAGGEZZA

Allora, Arya(saggio) Mahamati(Grande Saggio) Bodhisattva-Mahasattva dice al Buddha:
"Bhagavan(Onorato Mondiale), vedo che in tutti i mondi, il vagare di nascite e morti, le animosità intrecciate e il cadere in cammini del male sono causati dal consumo di carne e dalle uccisioni cicliche. Tali comportamenti aumentano odio e rabbia, e rendono gli esseri viventi incapaci di sfuggire alla sofferenza. Ciò è davvero molto doloroso".
~Lankavatara Sutra

"Se un mio discepolo non considera onestamente ciò e mangia ancora carne, dovremmo sapere che è nei lineaggio dell'uccisore (candela). Non è mio discepolo ed io non sono suo insegnante. Allora, Mahamati, se qualcuno vuole essere mio parente, non deve consumare carne".
*Candela è l'assassino.
~Lankavatara Sutra

Il Buddha dice a Mahamati: "CONSUMARE CARNE HA INNUMEREVOLI OFFESE. Tutti i Bodhisattva (praticanti spirituali) dovrebbero coltivare la loro grande misericordia e compassione così non consumano carne.
~Lankavatara Sutra

(Onorato Mondiale), LA GENTE CHE MANGIA CARNE DISTRUGGE IL GRANDE SEME MISERICORDIOSO dunque LA GENTE CHE PRATICA IL CAMMINO SANTO NON DOVREBBE CONSUMARE CARNE".
*Bhagavan è Colui che è Onorato nel mondo.
~Lankavatara Sutra

"Chi rinuncia al sapore della carne può gustare i sapori del vero Dharma(veri insegnamenti), pratica onestamente i (livelli) Bhumi di Bodhisattva(praticante spirituale) e raggiungere Anuttara-Samyak-Sambodhi(illuminazione perfetta Suprema) rapidamente."
*Bhumi significa livello.
~Lankavatara Sutra

"Mahamati, vedo che gli esseri viventi sono nella trasmigrazione dei sei cammini, sono insieme a nascite e morti, danno nascita e incoraggiano gli altri e ciclicamente sono padri, madri, fratelli e sorelle a vicenda... Sono forse nati in altri cammini(animali, fantasmi, dio, eccetera) virtuosi o cattivi frequentemente diventano parenti a vicenda. Per tali relazioni, vedo che TUTTI I CARNIVORI DI ESSERI VIVENTI LO SONO DEI PROPRI PARENTI."
(* I sei cammini: dio, umano, Asutra, animale, fantasma affamato, essere infernale)
~Lankavatara Sutra

"i Bodhisattva (praticanti spirituali) devono distinguere, TUTTE LE CARNI VENGONO DA CORPI SUDICI, combinati, con pus, sangue, sporcizia, bindu rossi (gocce chiare), bindu bianche dei parenti. Allora, discernendo LA SPORCIZIA DELLA CARNE, I BODHISATTAVA(PRATICANTI SPIRITUALI) NON DEVONO MANGIARE CARNE".
~Lankavatara Sutra

"Tutte le carni sono come corpi morti di esseri umani... le carni cucinate puzzano e sono impure come corpi morti bruciati, allora come possiamo mangiare tali cose?"
~Lankavatara Sutra

"Consumare carne può aumentare i desideri, i carnivori soo avari... Per l'istinto di protezione e di cura della vita, non esiste differenza fra umano e animale... Ogni essere vivente, teme la morte, come mangaire la carne di altri?... Chi vuole consumare carne prima deve discernere il dolore di tagliare il proprio corpo e poi discernere il dolore di ogni essere vivente e allora ELIMINARE IL CONSUMO DI CARNE".
~Lankavatara Sutra

"I consumatori di carne hanno innumerevoli offese, allora I VEGETARIANI HANNO INNUMEREVOLI MERITI E VIRTU'".
Un vegetariano è chi segue un'alimentazione senza prodotti animali.
~Lankavatara Sutra

"Se nessuno mangia carne, allora nessuno uccide gli esseri viventi per cibo... Le uccisioni sono per i compratori, allora i compratori sono come le uccisioni. Dunque, MANGIARE CARNE PUO' OSTRUIRE IL CAMMINO SACRO".
~Lankavatara Sutra

"Ora, in tale Sutra Lankavatara, ho detto, sempre è proibita ogni tipo di carne, senza eccezioni. Mahamati, proibisce il consumo di carne non solo per una volta, intendo sia PER IL PRESENTE E FUTURO: CONSUMARE CARNE E' PROIBITO".
~Lankavatara Sutra

"Mahamati, in futuro, ci saranno persone ignoranti che diranno che molti precetti buddhisti(vinaya) permettono di mangaire carne.
Amano i gusti delle carni per le abitudini del passato,
dicono tali parole per accordarsi alle loro visioni. Ma in realtà, I BUDDHA E I SAGGI NON HANNO MAI DETTO CHE LA CARNE è CIBO".
~Lankavatara Sutra

 Per un boccone di carne prendiamo ad un animale il sole e la luce e quel poco di vita e di tempo, gioire dei quali sarebbe stata la sua destinazione 
Plutarco 46 d.C.

Dio diede ad Adamo la stessa vita di cui godono gli altri animali. Si, tutti loro hanno un medesimo respiro per cui l’uomo non ha nessun dominio sulle bestie.
(Reverendo John Wesley, fondatore della Chiesa Metodista, 1730)

Da quando esiste l'Alimentazione, gli umani sono i più stupidi animali del pianeta: uccidiamo milioni di animali selvatici per proteggere gli animali che mangiamo. Stiamo distruggendo il nostro ambiente per nutrire gli animali che mangiamo. Spendiamo più tempo, soldi e risorse per far ingrassare gli animali che mangiamo, che per nutrire gli umani che muoiono di fame. L'ironia maggiore, dopo le spese che sosteniamo per allevare gli animali, è che ce li mangiamo e questo ci uccide lentamente... e invece di capire la pazzia di questi comportamenti, torturiamo e uccidiamo miliardi di animali per trovare le cure alle malattie causate principalmente dall'alimentazione basata sul consumo di animali e loro derivati.
Mike Anderson

Per procurarsi della carne è sempre necessario ferire delle creature viventi e questo è un ostacolo per il raggiungimento della beatitudine celeste; si eviti dunque di mangiare carne
Considerata la disgustosa origine della carne, la crudeltà di incatenare e di uccidere delle creature, è necessario astenersi dal mangiare carne. - 

 "Le Le Leggi di Manu".(Manusmṛti)


  “Anche le persone povere e fisicamente sane che possiedono la stessa propensione all’ingordigia, ma non possono sempre permettersi bevande e cibi scelti, possono esser colpite dalle malattie ora descritte (sangue ceroso e grasso, ulcere aperte) nell’arco di tre, due o persino di una settimana, se mangiano i cibi di cui dispongono in modo sregolato. Lo si può vedere già nelle persone giovani e nei bambini. Infatti questa malattia deriva abbastanza sovente dal magiare carne, da vari tipi di latte, dal vino forte consumati in abbondanza”.
- Ildegarda di Bingen

 “Il cibo influenza la mente. Per la pratica di qualsiasi tipo di yoga, il vegetarianesimo è assolutamente necessario dal momento che rende la mente più pura e armoniosa “.
- Ramana Maharshi

Credo che il vegetarianismo sia una scelta cruciale etica per un individuo e per una società.
Ramana Maharshi


 Anche a parità di calorie, il Potere energetico, di Luce, vibrazionale del cibo può essere molto differente. Infatti esistono cibi "morti" con quantità di "Luce" pari a zero come i cadaveri in decomposizione e cibi "vivi" con quantità di "Luce" notevole...il nostro organismo sia fisico che eterico ha bisogno di Energia e quindi di Luce...le "tenebre" a tavola servono a soddisfare le "tenebre" in noi...
"Ciò che concorda nel tono, vibra assieme"
Confucio


«Il cibo naturale dell'uomo, a giudicare dalla sua struttura, consiste principalmente di frutta, radici, e altre parti succulenti di verdure».
Georges Cuvier, biologo francese (1769 – 1832) e padre dell'anatomofisiologia comparata


 Non è una digressione menzionare gli orrori della guerra in connessione con il massacro delle bestie ed i banchetti di carne. La dieta degli individui è in stretta relazione con il loro modo di agire. Sangue chiama sangue.
Elisée Reclus


E' necessario che un uomo responsabile sia indotto a macellare?
In caso affermativo, ogni individuo dovrebbe avere il coraggio di farlo con le sue stesse mani. È un genere miserabile di codardia quello di pagare altra gente per fare questo lavoro macchiato di sangue dal quale l'uomo normale si ritrae inorridito e sgomento. Questa gente é pagata per questo lavoro e gli altri acquistano da loro le parti desiderate dell'animale ucciso possibilmente preparato in modo da non ricordare l'animale, il fatto che è stato ucciso.
Io penso che gli uomini saranno uccisi e torturati fino a quando gli animali saranno uccisi e torturati e che fino allora ci saranno guerre, poiché l'addestramento e il perfezionamento dell'uccidere deve essere fatto moralmente e tecnicamente su esseri piccoli. Penso che ci saranno prigioni finché gli animali saranno tenuti in gabbia. Poiché per tenere in gabbia i prigionieri bisogna addestrarsi e perfezionarsi moralmente e tecnicamente su piccoli esseri.
Edgar Kupfer-Koberwitz


« Chi autorizza l'uccisione, chi macella l'animale, chi lo uccide, chi lo compra, chi lo vende, chi lo prepara, chi lo offre e chi ne mangia la carne: costoro tutti non sono altro che assassini. »
- Le Leggi di Manu - Manusmṛti, V, 51; traduzione di Federico Squarcini e Daniele Cuneo, p. 112
E' un dharmaśāstra, ossia uno dei trattati (śāstra) hindu di diritto che raccolgono le regole del vivere umano secondo il dharma.



« Mangiando la carne gli uomini firmano la loro sentenza di morte. Dominati dalla legge del ventre, si comporteranno ormai come tutti gli animali che popolano la terra, i flutti, o l'aria. Se provano piacere a divorare la carne di una bestia morta, se provano un bisogno imperioso di nutrimento, dipende dal fatto che la loro fame non si placa mai, rinasce sempre perché è il segno di una creatura le cui forze a poco a poco sono usurate ed esaurite, è il segno di una creatura votata alla fatica, all'invecchiamento e alla morte. Contentandosi del fumo delle ossa, vivendo di odori e di profumi, gli dei testimoniano di appartenere a una razza la cui natura è completamente diversa da quella degli uomini. Sono gli immortali che vivono sempre, giovani in eterno, il cui essere non comporta niente di perituro e che non hanno alcun contatto con il dominio del corruttibile. » (Jean-Pierre Vernant. Mito e religione in Grecia antica, p. 37)

« Anche prima del regno del sovrano Dicteo[40], e anche prima che la gente empia mangiasse i giovani buoi macellati, l'aureo Saturno conduceva questa vita sulla terra; non avevano udito ancora squillare le trombe della guerra, né il risuonare delle spade sulle dure incudini »
- Virgilio, Georgiche, II, 536-540


 « Ma voi, uomini d’oggi, da quale follia e da quale assillo siete spronati ad aver sete di sangue, voi che disponete del necessario con una tale sovrabbondanza? Perché calunniate la terra, come se non fosse in grado di nutrirvi? Non vi vergognate di mischiare i frutti coltivati al sangue delle uccisioni? Dite che sono selvatici i serpenti, le pantere e i leoni, mentre voi stessi uccidete altre vite, senza cedere affatto a tali animali quanto a crudeltà. Ma per loro il sangue è un cibo vitale, invece per voi è semplicemente una delizia del gusto. »
- Plutarco - Del Mangiar Carne


«L’uomo più o meno sa quale cibo deve dare al suo corpo fisico. Dico “più o meno”, perché la maggior parte delle persone mangia la carne, il che è nocivo per la salute fisica e psichica… Ogni creatura, animale o umana, è spinta a scegliere un determinato cibo, e tale scelta è sempre molto significativa. Se volete sapere quali sono i risultati dell’alimentazione carnivora, andate a visitare un giardino zoologico e sarete immediatamente informati. D’altronde, non è nemmeno necessario andare negli zoo per verificarlo. Nell’esistenza si trovano esemplari umani di tutte le specie animali, persino di quelle che non figurano più negli zoo, come i mammut, i dinosauri e altri mostri preistorici. Ma cerchiamo di essere caritatevoli e limitiamoci ai giardini zoologici. Si constaterà che i grandi animali carnivori sono animali feroci che diffondono attorno a sé un odore spaventoso, a differenza degli erbivori che hanno abitudini molto più pacifiche; il cibo che assorbono non li rende né violenti né aggressivi, mentre la carne rende i carnivori irritabili. Allo stesso modo gli esseri umani che mangiano carne sono sempre spinti ad un’attività distruttrice.»*
 - Omraam Mikhaël Aïvanhov
HRANI YOGA. Il senso alchemico e magico della nutrizione


«E’ stato detto: “Voi siete templi del Dio Vivente”. Non bisogna quindi insudiciare quei templi con
alimenti impuri. Se gli uomini sapessero in quali laboratori spirituali e celesti sono stati creati,
starebbero molto più attenti al cibo che entra nella costruzione del tempio in cui Dio deve venire ad
abitare. Purtroppo, mangiando carne, la maggior parte di loro somiglia più a dei cimiteri pieni di cadaveri che a dei templi.»*
- Omraam Mikhaël Aïvanhov
Hrani Yoga - Il senso alchemico e magico della nutrizione


« Fino al diluvio non si conosceva il piacere dei pasti a base di carne ma dopo questo evento ci è stata riempita la bocca di fibre e di secrezioni maleodoranti della carne degli animali […]. Gesù Cristo, che venne quando fu compiuto il tempo, ha collegato la fine con l’inizio. Pertanto ora non ci è più consentito di mangiare la carne degli animali. »
- Adversus Jovinanum, I, 30
“È detto che Gesù Cristo, quando aveva dodici anni, turbato nel vedere gli ebrei che sacrificavano uccelli e animali nelle sinagoghe, respinse il sistema della religione ebraica e iniziò quello della religione cristiana per seguire il comandamento del Vecchio Testamento “non uccidere”. “
– Paramahansa Yogananda


« Mangiare carne è innaturale quanto la pagana adorazione dei demoni. Io vivo di pane e olive, ai quali aggiungo solo di rado qualche verdura. »
- Omelie Clementine, XII, 6 rec. VII, 6


“Chi ha ucciso un bue è come se avesse ammazzato un uomo.”
- Isaia, 66. 3


«Essi offrono sacrifici e ne mangiano le carni, ma il Signore non li gradisce; si ricorderà della loro iniquità e punirà i loro peccati.»
- Osea 8,13


«Si sacrifica un bue e si uccide un uomo; si immola un agnello e si strozza un cane; c’è chi fa un’oblazione e offre sangue di porco; chi brucia incenso e venera un idolo. Come costoro si compiacciono nelle loro vie e amano le loro abominazioni.»
- Isaia 66,3

«Io odio e abomino le vostre feste, non mi piacciono le vostre solennità. Se mi offrite olocausti e oblazioni, non le gradisco: ai vostri sacrifici di grasse vittime non volgo nemmeno lo sguardo. Lungi da me la voce dei tuoi canti; non voglio sentire i suoni delle tue arpe. Sgorghi invece la equità e la giustizia come torrente perenne.»
- Amos 5,21-24


«Che me ne importa dell’incenso importato da Saba, o della canna aromatica che viene da una terra lontana? I vostri olocausti non mi piacciono, e i vostri sacrifici non mi sono graditi.»
- Geremia 6,20

«Che m’importa dei molti vostri sacrifici? Dice il Signore. Sono sazio degli olocausti degli arieti e del grasso dei vitelli; non gradisco il sangue dei buoi, degli
agnelli e dei capri. Quando venite a presentarvi davanti a me, chi reclamerà questo da voi?»
- Isaia 1,11-12


«Con che cosa mi presenterò al Signore, e mi prostrerò dinanzi al Dio sommo? Mi potrò presentare con olocausti, con vitelli di un anno? Gradirà il Signore migliaia di arieti e libagioni di olio a torrenti? Offrirò forse il mio primogenito per il mio delitto, il frutto del mio seno per il peccato dell’anima mia? Ti è stato fatto conoscere, o uomo, ciò che è bene e ciò che il Signore richiede da te: nient’altro che praticare la giustizia, amare la misericordia e portarti con umiltà con il tuo Dio.»
- Michea 6,6-8


«Quando voi stendete le vostre mani, distolgo da voi i miei occhi, anche se voi moltiplicate le preghiere, io non le ascolto. Le vostre mani sono piene di sangue. Lavatevi, purificatevi, allontanate le vostre cattive azioni dai miei occhi; cessate di fare il male, imparate a fare il bene, cercate la giustizia, aiutate l’oppresso.»
- Isaia1,15-17


«Poiché io voglio l’amore più che il sacrificio, la conoscenza di Dio più che gli olocausti.»
- Osea 6,6


«In verità, io non parlai, né diedi comandi sull’olocausto e sul sacrificio ai vostri padri, quando li feci uscire dal paese d’Egitto.»
- Geremia 7,22


«Se avessi fame non lo direi a te, poiché mio è l’universo e quanto contiene.
Mangio io forse la carne dei tori, o bevo il sangue dei capretti?»
- Salmo 50,12-13


«Non andate coi bevitori di vino, e nemmeno coi mangiatori di carne.»
- Spr. 23,20


«Io sono venuto per abolire i sacrifici e se non smetterete di compierli, nemmeno l’ira di Dio (la legge di causa ed effetto) smetterà di colpirvi.»
- Parole di Gesù citate da Epifanio, Panarion 3,16


«Io voglio misericordia e non sacrifici.»
- Matteo. 9,13


 «Io vivo di pane e olive, ai quali aggiungo solo di rado una verdura.»
- Omelie Clementine, XII,6; rec. VII, 6


«Gesù mi ha comandato di non mangiare carne e di non bere vino, ma di consumare solo pane, acqua e frutti, per essere puro quando Egli vuole parlare con me.»
- Toledoth Jeschu, Ed.Krauss, Berlino 1902, p. 113, Parole di Paolo

«Matteo viveva di semi, frutti degli alberi e verdura, senza carne.»
- Clemente Alessandrino, Pedagogo II,1-16


«Giovanni non ha mai assaggiato carne.»
- Storico della Chiesa Hegesipp secondo Eusebio, Storia della Chiesa II, 2-3


«Giacobbe, fratello del Signore, viveva di semi e piante e non toccava né carne, né vino.»
- Epistulae ad Faustum XXII,3


«Da loro non viene versato alcun rivolo di sangue; non viene macellata e fatta a pezzi la carne … Da loro non si sente l’odore terribile dei pasti a base di carne …; non si sentono rumori e baccano. Essi si cibano solo del pane che guadagnano con il loro lavoro e di acqua che viene offerta loro da una fonte pura. Se desiderano un pasto abbondante, le loro leccornie sono costituite da frutti e nel mangiarli provano un piacere più grande che ad essere seduti ad una tavola regale.»
- Omelie, 69


«Infatti, all’interno di una semplicità parsimoniosa non esiste forse una molteplicità di alimenti sani: verdura, radici, olive, erbe, latte, formaggio, frutta e ogni tipo di alimenti essiccati? Come alimenti vanno preferiti quelli che possono essere consumati direttamente, senza dover usare il fuoco, poiché sono sempre pronti e sono i più semplici. Per questo l’apostolo Matteo viveva di semi, frutti con la buccia dura e verdura, niente carne. E Giovanni, che esercitava la parsimonia nel grado più assoluto, mangiava germogli di foglie e miele selvatico. Credo comunque che i sacrifici cruenti siano stati inventati solo dalle persone che cercavano un pretesto per mangiare carne, cosa che avrebbero potuto fare anche senza questi obbrobri davanti a Dio.»
- Clemente Alessandrino, Pedagogo II



«Tertulliano si impegnò più volte per difendere i cristiani quando venivano incolpati di compiere sacrifici umani. “Come posso definire il fatto che crediate che noi siamo avidi di sangue umano, se sapete che consideriamo un obbrobrio già il sangue degli animali.»
- Apol. Cap. 9; cit. da Robert Springer, p. 292



 «Il seme di un buon padre di casa è però il buon grano con il quale fa il pane … L’ingordigia di pietanze a base di carne è un’ingiustizia abominevole e io desidero che aspiriate soprattutto alle cose che sono un nutrimento eterno per la vostra anima.»
- Robert Springer, Enkarpa 1884 - Gregorio di Nazianzo Padre della Chiesa (Cappadocia)



«E’ meglio che non mangi carne e non bevi vino. Infatti, il consumo di vino è ini-ziato con il mangiare carne, dopo il diluvio universale.»
«I cibi puri sono cibi preparati senza spargere sangue.»
- Girolamo, Adversus Jovinanum I,30





«Il consumo di carne, il bere vino e l’abbuffarsi sono il vivaio della cupidigia.»
- Girolamo, Adversus Jovinanum I,30



354-430, Padre della Chiesa e grande dottore di lingua latina della Chiesa dell’antichità, visse cibandosi solamente di alimenti vegetali. Attribuiva al mangiare carne le passioni rovinose degli uomini. In una delle sue opere riporta una citazione di Paolo (Rom. 14,21) secondo la quale egli consiglia di non mangiare carne e di non bere vino.
- De vera Religione II,161,168


«Il corpo appesantito con cibi a base di carne viene afflitto da malattie; un modo di vivere parco lo rende più sano e più forte e strappa le radici del male. Le esalazioni dei cibi a base di carne adombrano la luce dello Spirito. Si può difficilmente amare la virtù quando si gioisce di piatti e banchetti a base di carne.»
- Basilio il Grande, Enkarpa, 1884


«La carne è un alimento contro natura che appartiene ad un mondo passato.»
- Omelie Clementine III,45

1 commento:

  1. grazie Madre Terra dei doni che con amore ci dai, ogni giorno, in ogni stagione, tutta piena di colori e profumi sei Tu.....profumi che inebri i sensi e la voglia di vivere... nei reparti di macellazione si respira odore di morte e paura!!

    RispondiElimina